16 giugno 2017

Il Diabete è in parte ereditario. Sul DNA “zone” legate al rischio.

 

Diabetologia | Redazione DottNet | 05/05/2017 13:39

Si tratta di 111 punti, ora è caccia ai geni specifici

Il diabete – che dilaga nel mondo specie a causa di diete sbagliate troppo piene di zuccheri e cibi spazzatura – potrebbe dipendere, in parte, anche da predisposizioni ereditarie: sono state scoperte infatti ben 111 ”zone calde” del Dna (loci) legate a maggior rischio di questa malattia. Le regioni genomiche isolate potrebbero contenere più geni che possono favorire l’insorgenza di diabete.    E’ il risultato di una ricerca condotta presso la University College e l’Imperial College di Londra e pubblicata sulla rivista American Journal of Human Genetics. 

Gli esperti hanno applicato un metodo di mappatura genetica al Dna di 5.800 persone con diabete e quasi 9.700 individui sani di controllo. Sono così arrivati a isolare 111 nuovi loci del genoma legati a maggior rischio di questa malattia ed hanno già iniziato – usando tecniche di mappatura nel dettaglio – la ricerca dei singoli geni e difetti genetici associati al diabete.    Decifrando l’architettura genetica della malattia, concludono gli autori del lavoro, se ne potranno in futuro capire le basi molecolari alla ricerca di nuovi bersagli terapeutici.

 

fonte: ansa

 

Ti piace questo post?

Altre storie

ll cristallino dell’occhio può predire la comparsa del diabete

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 16/09/2019 Studio pilota, intervento precoce per prevenire le complicanze La scannerizzazione del cristallino dell’occhio può predire la comparsa del diabete di tipo 2 e del prediabete. Lo dimostra uno studio della University of Exter Medical School in Gran Bretagna, presentato al 55/o Congresso dell’Associazione europea per...

Diabete: nasce la figura del paziente esperto in fitwalking

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 14/10/2020 Il fitwalking non è una semplice passeggiata, ma un’attività motorio-sportiva per il fitness, la salute e il benessere da praticare in relax Che l’attività fisica sia un efficace strumento per la prevenzione e per la cura del diabete di tipo 2 è noto da oltre vent’anni....

75 gr. di frutta secca al giorno migliorano la glicemia.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET –  25/05/2018 Aggiunta in sostituzione di una porzione di carboidrati. Circa 75 grammi al giorno di frutta secca aiutano i diabetici a controllare la glicemia e i grassi nel sangue, consentendo un miglioramento significativo nella gestione della malattia.   Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Diabetologia e condotto...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali