26 giugno 2017

Pesi e non solo attività aerobica nel Diabete

L’inserimento di esercizi contro resistenza ad un programma di attività aerobica migliora il Controllo Glicemico in Pazienti con Diabete di tipo 2 

Secondo una metanalisi pubblicata sull’importante rivista scientifica Journal of the American Medical Association (JAMA), nella programmazione dell’allenamento del Diabetico di tipo 2 l’inserimento di un programma di pesi (contro resistenza) ad allenamenti di tipo aerobico migliora in modo significativo i livelli di emoglobina glicata (HbA1c).In particolare sono state messe a confronto le ricerche che valutavano la relazione tra attività strutturata contro il solo incentivo/indicazione all’attività fisica. L’analisi ha preso in considerazione 47 studi per un totale di 8500 partecipanti.
In totale dai 23 studi collegati all’attività strutturata si aveva una riduzione del 0,67% di  HbA1c rispetto ai controlli. In particolare l’attività aerobica strutturata si associava ad una riduzione del 0,73% contro lo 0,57 di quella contro resistenza. La combinazione dei due tipi di allenamento portava ad una riduzione della glicata dello 0,52%.  L’attività strutturata si dimostrava inoltre più efficace quando aveva una durata di almeno 150 minuti a settimana.
Al contrario la sola indicazione a fare attività fisica era molto meno efficace con lo 0,43% di riduzione dei livelli di  HbA1c.
I ricercatori commentano questi risultati sottolineando l’importanza di questa scoperta che si dimostra in linea con le correnti raccomandazioni sulla durata dell’esercizio fisico che dovrebbe essere di almeno 150 min/settimanali..
Interessante anche la scoperta di una mancanza di evidenza sul miglioramento dei livelli di emoglobina glicata a seguito di un programma di attività fisica ad alta intensità.

Ti piace questo post?

Altre storie

Così debutta il diabete: scoperte le varianti genetiche

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 24/09/2020 Lo rivela uno studio presentato dai giovani ricercatori della Sid, la Società italiana di diabetologia, al 56esimo congresso annuale dell’Easd, la European Association for the Study of Diabetes Sono stati scoperte le mutazioni genetiche che anticipano il “debutto” del diabete di tipo 2, quelle dunque legate...

In Toscana oltre 900 bambini con diabete.

L’età della diagnosi si sta progressivamente abbassando Oltre 900 tra bambini e adolescenti in Toscana sono affetti da diabete mellito di tipo 1, e l’età della diagnosi si sta progressivamente abbassando. Il dato è stato diffuso in occasione della tappa fiorentina di ‘Sono un t1po’, la campagna nazionale di...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali