9 dicembre 2017

Diabete tipo 2 , successo con una dieta a base di minestre e frullati.

Studio, ottimi risultati per il 46% dei pazienti che ha perso almeno 15 chili

Il loro diabete di tipo 2 è passato dopo una dieta liquida, fatta di minestre e frullati a basso contenuto calorico, durata fino a 5 mesi con cui sono riusciti a perdere almeno 15 chili: è successo a quasi la metà dei 298 volontari che hanno partecipato ad una sperimentazione fatta a Newcastle e Glasgow, i cui dettagli sono descritti sul Lancet medical journal. Grazie a questa dieta infatti i partecipanti allo studio hanno perso molti chili. Ogni giorno dovevano consumare quattro pasti liquidi: si trattava di bustine di polvere da sciogliere in acqua, per fare una minestra o un frullato, con un contenuto di 200 calorie e la giusta composizione di nutrienti.

Una volta perso peso, i dietisti hanno poi aiutato i pazienti a reintrodurre cibi solidi e salutari. In base ai dati pubblicati il 46% dei pazienti che ha iniziato la sperimentazione è guarito un anno dopo, l’86% che aveva perso 15 chili o di più ha visto scomparire il diabete di tipo 2 e solo il 4% è guarito con le terapie ora in uso. Non si tratta però di una cura definitiva, avvertono i medici: se si riprende peso infatti, il diabete ritorna. Il grasso del corpo che si accumula intorno al pancreas provoca stress alle sue cellule, che controllano i livelli di zucchero nel sangue e smettono di produrre insulina, facendo schizzare lo zucchero a livelli fuori controllo. Perdendo grasso, il pancreas riprende invece a funzionare correttamente.

 

fonte: lancet

 

Ti piace questo post?

Altre storie

I diabetici percepiscono meno il dolore dell’infarto

Ecco perché gli attacchi sono più fatali Chi ha il diabete non avverte allo stesso modo degli altri i sintomi dell’infarto, come quello classico di un dolore acuto al petto. Li percepisce in maniera differente, più attenuata, e questo offre una possibile spiegazione del perché in chi ha questa...

Diabete e cuore : studio inglese

Diabete e cuore: con più beta-bloccanti diminuite le morti Diabetologia | Redazione DottNet | 15/01/2018 Studio inglese sui pazienti con insufficienza cardiaca cronica Il diabete aumenta la mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica. Ma se viene inibito il beta-adrenocettore, questa diminuisce. E’ la conclusione a cui sono arrivati i...

Comunicato dell’Associazione in ricordo di Giuliana Grifoni

  Ad un mese dalla sua scomparsa, l’Associazione diabetici dell’area livornese – AGDAL Livorno onlus – ricorda con affetto la sua vicepresidente ,Giuliana Grifoni, che si è spenta il 22 dicembre 2019 dopo una lunga malattia, L’Associazione , cogliendo questa occasione, vuole ricordare a tutti i diabetici livornesi e...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali