13 gennaio 2018

Gestione del Diabete nei pazienti anziani.

 

Diabetologia | Redazione DottNet | 04/01/2018

I trattamenti farmacologi per i pazienti anziani con diabete devono essere tailor made  ( traduzione : fatto su misura ) ed avere come obiettivo principale quello di evitare l’ipoglicemia.

La prevalenza del diabete di tipo 2 è elevata negli anziani e tale incidenza dovrebbe aumentare nei prossimi decenni. Il diabete nella popolazione di anziani maggiormente debilitati è accompagnato spesso da disabilità funzionale, varie comorbilità e mortalità prematura. E’ consigliabile una valutazione geriatrica completa, comprendente lo stato funzionale, cognitivo, mentale e sociale, per identificare i target glicemici e le terapie ipoglicemizzanti, focalizzati principalmente sulle preferenze, i bisogni e i rischi dei pazienti.

Le scelte terapeutiche per gli anziani con diabete sono come quelle per la popolazione adulta. Tuttavia, i trattamenti farmacologici devono essere attentamente prescritti e monitorati, tenendo conto delle capacità cognitive del paziente, delle interazioni farmacologiche potenzialmente pericolose per la vita, del rischio cardiovascolare ed avere come obiettivo principale quello di evitare l’ipoglicemia. Inoltre, un’attenta valutazione nutrizionale con strumenti adeguati, nonché un’attività fisica equilibrata e periodicamente monitorata, contribuiscono ad un trattamento su misura molto efficace, come richiesto dagli anziani affetti da diabete.

Questa review valuta i farmaci ipoglicemici attualmente disponibili e le attuali indicazioni per la comunità italiana di diabetologia, in particolare per quanto riguarda il trattamento di adulti di età pari o superiore a 75 anni con diabete, compresi i bisogni dei pazienti non soddisfatti dalle linee guida.

Per scoprire di più vai all’articolo:

Giorgio Sesti et al., 2017, Management of diabetes in older adults, Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Ti piace questo post?

Altre storie

Allo studio le prime linee guida su diabete autoimmune latente.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 09/07/2019 E’ una lenta evoluzione verso l’ insulino-dipendenza, che colpisce tra il 5-12 per cento dei pazienti inizialmente diagnosticati come diabetici di tipo 2  Una patologia complessa e articolata, molto eterogenea e quindi difficile da riconoscere, troppo spesso non curata adeguatamente con conseguenze significative per il...

Livorno – 13 maggio 2019 – Prevenzione e cura del piede diabetico

agdal_locandina-piede Lunedì 13 maggio , si terrà presso la sala conferenze della Cassa Edile di Livorno, ( via Piemonte, 62)  con inizio alle ore 15,30, il Corso di informazione e formazione per pazienti con diabete. Verrà presentata la Convenzione che l’AGDAL ha stipulato con i Podologi di Livorno

Con il diabete di tipo 1 la Paradontite comincia da piccoli.

  Cairo (Sidp), a 18 anni spesso si hanno già uno o due denti mancanti Il diabete va di pari passo con i problemi alle gengive, e questi sono ancor più gravi, precoci e frequenti per chi ha il diabete di tipo 1, ovvero non legato agli stili di vita....

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali