13 gennaio 2018

In USA apparecchio per trattare le ulcere dei piedi

E’ il primo ad usare le onde d’urto

Via libera negli Stati Uniti al primo apparecchio ad onde d’urto per trattare le ulcere diabetiche ai piedi.

La Food and Drug Administration (Fda), l’agenzia Usa che regola i farmaci, ne ha infatti permesso la vendita, come spiega sul suo sito. Il diabete danneggia infatti anche i vasi sanguigni e i nervi, in particolare del piede, causando infezioni difficili da trattare. Circa il 25% dei diabetici può soffrire di ulcere al piede, che a volte devono essere trattate con l’amputazione se le terapie non funzionano.

L’apparecchio approvato dall’Fda è pensato per la terapia delle ulcere diabetiche al piede croniche per pazienti dai 22 anni in su, e va usato insieme alle cure standard per questo tipo di problema.

Funziona tramite un sistema che usa gli impulsi di energia, simili alle onde sonore, per stimolare meccanicamente la ferita. Negli studi fatti per testare l’apparecchio, i pazienti hanno avuto una guarigione della lesione dopo 6 mesi.

fonte: fda

Ti piace questo post?

Altre storie

I farmaci per il diabete hanno un effetto diverso tra uomo e donna

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 16/07/2018 Frontoni (Sid), occorre studiare la diversità genere già nella ricerca di base Alcuni farmaci per il diabete possono avere effetti molto diversi a seconda che il paziente sia un uomo o una donna. Ad aggiungere un tassello di comprensione importante alle conoscenze sulla medicina di...

Coronavirus: mascherine con valvola e visiere non bastano

INFETTIVOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 02/09/2020 Più efficaci quelle chirurgiche o in tessuto per frenare virus Le mascherine chirurgiche e quelle in tessuto sono più efficaci delle visiere e delle mascherine con valvola di espirazione nel prevenire la diffusione del contagio da Covid-19: lo indica l’esperimento descritto sulla rivista Physics of Fluids dai ricercatori...

Prediabete : colpito il 15% degli italiani

Diabetologia | Redazione DottNet | 24/07/2017 13:48 Aumentano i rischi per l’infarto; per combatterlo a volte sono necessari farmaci “Il prediabete riguarda circa il 15% degli italiani ed è una condizione sempre più diffusa e sempre più precoce, ma non innocua. E’ infatti associato a un maggior rischio di infarto. E’ necessario,...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali