27 febbraio 2018

Diabete, chi si ammala da giovane corre maggiori rischi di decesso

Diabetologia | Redazione DottNet | 25/02/2018

Specie di infarto e ictus

Quando il diabete colpisce da giovani, il rischio di morte per diverse cause sale, in particolare il rischio di morte per infarto e ictus è maggiore per chi si ammala di diabete in giovane età. Viceversa, il pericolo di restare vittima di un tumore è inferiore rispetto a chi si ammala più tardi.    Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Diabetologia e diretta da Dianna Magliano e Jonathan Shaw del Baker Heart and Diabetes Institute a Melbourne, in Australia. 

  Gli esperti hanno analizzato dati relativamente a 743.709 australiani con diabete registrati sul database “Australia’s National Diabetes Services Scheme (NDSS)” tra 1997 e 2011.    I pazienti sono stati seguiti nel tempo e 115.363 decessi sono stati registrati durante tutto il periodo di osservazione.    È emerso che chi si ammala presto di diabete presenta un rischio di morte più elevato per tutte le cause, specie per quelle cardiovascolari, ma un rischio ridotto di morire per tumori (probabilmente perché i diabetici sono più seguiti dal punto di vista medico e questo accresce le loro chance di diagnosi precoce per un eventuale tumore).    In particolare i dati hanno dimostrato che tra due coetanei entrambi diabetici che si sono ammalati a distanza di dieci anni l’uno dall’altro, quello che si è ammalato prima ha un rischio dal 20% al 30% maggiore di morire per tutte le cause e di circa il 60% in più di morire per cause cardiovascolari.

Il risultato dello studio è importante vista l’epidemia di obesità nel mondo e il conseguente aumento delle diagnosi di diabete in giovani di 20.25 anni; inoltre è rilevante alla luce del fatto che “si è ormai dimostrato che una diagnosi precoce di diabete si associa ad aumentato rischio di complicanze e di comparsa di altre malattie – scrivono gli autori del lavoro – e che le complicanze possono essere più aggressive se il diabete è comparso precocemente”.

 

fonte: diabetologia

Ti piace questo post?

Altre storie

Rinnovo Convenzione tra AGDAL e Az.USL N.O. Livorno

19.07.2018   Il TIRRENO – Livorno È stata prolungata fino al 31 dicembre 2019 la convenzione che vede la collaborazione tra Asl e Agdal, l’associazione diabetici dell’area livornese, per mettere a disposizione un servizio di screening cardiovascolare dedicato ai pazienti della Diabetologia livornese. «I risultati dell’esperienza partita nel 2016 –...

False notizie e Diabete : la prima cura è la corretta informazione.

“Se non si ribadisce l’importanza dell’autorevolezza delle fonti scientifiche, il rischio ricade sulla salute dei pazienti e sui percorsi di cura”. È con questo avvertimento che Francesco Purrello, Professore ordinario di Medicina Interna all’Università di Catania e Presidente Eletto della Società Italiana di Diabetologia (SID), mette in guardia dal pericolo delle “fake news” che si stanno diffondendo anche...

Diabete e gravidanza

Gravidanza e diabete: l’importanza di una corretta informazione In Italia ogni anno si verificano circa 500.000 gravidanze, di cui circa 50.000 vedono l’“interferenza” del diabete, pregestazionale – ovvero già presente nella donna prima che rimanga incinta – o gestazionale (detto anche GDM), se fa la sua comparsa durante il corso della gravidanza. Anche...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali