9 maggio 2018

Una camminata veloce previene i ricoveri per i malati di cuore

CARDIOLOGIA | 23/04/2018

Presentato uno studio italiano al Congresso della società europea di cardiologia

Camminare veloce fa bene a chi soffre di malattie cardiovascolari. Infatti chi lo fa ricorre meno all’aiuto dell’ospedale.

E’ quanto emerge da una ricerca italiana presentata a Europrevent 2018, il congresso della Società europea di Cardiologia e che è stata pubblicata sullo European Journal of Preventive Cardiology.

L’analisi, durata tre anni, ha coinvolto 1.078 pazienti ipertesi, di cui l’85% aveva anche malattie coronariche e il 15% aveva malattie valvolari. Con un raffronto sul numero delle ospedalizzazioni del registro sanitario regionale dell’Emilia-Romagna, è emerso che coloro i quali avevano l’abitudine a camminare più veloci (5,1 km l’ora di media) avevano avuto meno bisogno di cure in ospedale (il 31%). Il dato era più alto (44%) tra chi aveva un passo intermedio (3,9 km all’ora) e ancor più elevato (51%) tra chi aveva un passo lento (2,6 km all’ora).

“Più è veloce la camminata, minore è il rischio di ospedalizzazione e più breve è la durata della degenza ospedaliera, poiché la ridotta velocità di marcia è un indicatore di mobilità limitata, che è stata collegata alla diminuzione dell’attività fisica – spiega Carlotta Merlo, ricercatrice all’Università di Ferrara – Camminare è il tipo di esercizio più popolare negli adulti: è gratuito, non richiede un addestramento speciale e può essere svolto praticamente ovunque.    Anche se brevi, ma regolari, le passeggiate hanno benefici sostanziali per la salute. Il nostro studio dimostra che i benefici sono ancora più grandi quando aumenta il ritmo della camminata”.

fonte: European Journal of Preventive Cardiology

Ti piace questo post?

Altre storie

Roma : Impiantati su tre pazienti sensori per glucosio.

Diabete: sensori di glucosio impiantati in pazienti a Roma  | Redazione DottNet | 26/07/2017 17:13 Sono collegati con lo smartphone per il monitoraggio continuo della glicemia Un sensore impiantato sotto la pelle può monitorare in tempo reale l’andamento della glicemia, con un migliore controllo del diabete. Ne sono convinti i...

Le statine riducono la mortalità in anziani con Diabete 2.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 05/09/2018 Nessun beneficio invece per gli over 75 sani Le statine non aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiache nelle persone sane sopra i 75 anni, mentre sono efficaci per gli anziani con diabete di tipo 2. Lo afferma uno studio spagnolo pubblicato dal British...

Da una nuova classe di farmaci, speranze anche per il diabete tipo 1

  Diabetologia | Redazione DottNet | 19/07/2017 11:55 Purrello (Sid), bloccare il glucagone può avere un impatto clinico Da una nuova classe di farmaci oggi in sperimentazione per il diabete di tipo 2 potrebbe arrivare una terapia aggiuntiva per il diabete di tipo 1. A testare nuovi utilizzi dell’antagonista del recettore...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali