22 settembre 2018

Mangiare glutine in gravidanza è legato al rischio diabete nel nascituro.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 19/09/2018

Lo rivela uno studio condotto da Julie Antvorskov dell’Istituto danese Bartholin.

Una dieta ricca di glutine (la principale proteina del grano, quindi presente, ad esempio, in pane e pasta) in gravidanza potrebbe aumentare il rischio di diabete per il nascituro.  

Lo rivela uno studio condotto da Julie Antvorskov dell’Istituto danese Bartholin.   Pubblicato sul British Medical Journal, il lavoro ha coinvolto 63.529 gestanti arruolate nello studio epidemiologico “Danish National Birth Cohort” tra 1996 e 2002. 

Non è nuovo il sospetto di un legame tra consumo di glutine e diabete di tipo 1 – una malattia autoimmune caratterizzata da perdita della capacità di produrre insulina (ormone che regola lo zucchero nel sangue) che può colpire anche bambini piccoli.  Ad esempio in una ricerca su topolini, se le mamme gravide mangiavano senza glutine, risultava praticamente azzerato il rischio di diabete per i topini. Ma uno studio simile non è mai stato fatto nell’uomo.

I ricercatori danesi hanno sottoposto le gestanti a dettagliati questionari alimentari quando le donne erano alla 25/ima settimana di gravidanza. Dai questionari gli esperti hanno stimato un consumo medio di glutine di 13 grammi al giorno, con un consumo minimo di meno di 7 grammi e massimo di 20 grammi o più. 

Il grano contiene una quantità di proteine variabile dal 7 al 18%, a seconda delle tipologie, mediamente ne contiene il 12%. E in una farina di grano tenero tipo 00 la quantità minima di glutine secco è del 7%. Per fare un esempio, 10 grammi di glutine corrispondono all’incirca a quattro fette di pane. 

Dallo studio è emerso che il rischio di avere un figlio che svilupperà il diabete è doppio per una donna che in gravidanza ha mangiato molto glutine (20 o più grammi al giorno) rispetto a una donna che ne ha mangiato poco (meno di 7 grammi).  Si tratta di uno studio solo osservazionale, non sufficiente a stabilire una relazione di causa ed effetto tra consumo di cibi contenenti glutine in gravidanza e rischio di diabete per il nascituro

 

fonte: British Medical Journal

 

Ti piace questo post?

Altre storie

Novo Nordisk presenta AIDA: il primo chatbot italiano a disposizione dei pazienti

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 29/10/2020  Per offrire un aiuto concreto alle persone con diabete di tipo 1 e tipo 2, caregivers ed operatori sanitari arriva AIDA, Artificial Intelligence Diabetes Assistant, il primo chatbot italiano dedicato al mondo del diabete con il supporto di Novo Nordisk. AIDA si avvale dell’esperienza...

Diabete tipo 1 – troppi errori nelle diagnosi

  Oltre il 40% dei casi si verificano dopo i 30 anni, ma in molti casi viene diagnosticato erroneamente come diabete 2 Non solo una malattia di bambini e ragazzi, come comunemente si è portati a pensare: il diabete 1 ha la stessa prevalenza anche negli adulti. Oltre il 40%...

Cibi senza additivi aiutano a proteggere dal diabete

NUTRIZIONE | REDAZIONE DOTTNET | 01/08/2019 Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes & Metabolism, condotto presso l’ Università di Torino Il consumo di cibi locali con meno additivi potrebbe ridurre il grasso addominale, la pressione arteriosa e il rischio di diabete. E’ quanto suggerisce uno studio pubblicato sulla...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali