5 ottobre 2018

Linee guida Diabete tipo 2 : priorità ai farmaci più moderni.

La terapia va personalizzata in base al rischio cardiovascolare del paziente

Come trattare il diabete di tipo 2 nel terzo millennio?

La nuova edizione delle linee guida delle due principali società scientifiche internazionali di diabetologia (l’americana Ada e l’europea Easd) – presentate ufficialmente al congresso dell’Associazione europea per lo studio del diabete Easd – contiene due importanti indicazioni, che la diabetologia italiana aveva pero’ anticipato.  

La prima indicazione importante e’ che dopo la metformina (che resta il primo farmaco da usare nel diabete di tipo 2  è necessario indirizzare la scelta verso i farmaci anti-diabete più sicuri, quelli cioè che non danno ipoglicemie; per questo i farmaci della classe sulfoniluree, tuttora molto utilizzati, vengono accantonati a favore delle classi terapeutiche più moderne e sicure.

La seconda indicazione è che la terapia va personalizzata in base al rischio cardiovascolare del paziente: in un paziente cardiopatico andranno favoriti quei farmaci che nei trial clinici hanno dimostrano non solo di avere una buona sicurezza ma anche di riuscire a ridurre il rischio cardiovascolare.

Gli esperti della Società Italiana di Diabetologia (SID) presenti a Berlino sottolineano che la diabetologia italiana aveva precorso i tempi, inserendo negli standard di cura, presentati lo scorso maggio durante il congresso della Societa’ italiana di diabetologia (Sid), entrambe queste indicazioni.

“Il suggerimento di usare le sulfoniluree solo, eventualmente, in terza battuta – commenta Agostino Consoli, presidente eletto della Sid – è sicuramente un’indicazione importante e coraggiosa, perché le sulfoniluree sono farmaci di costo molto basso ed ampiamente diffuse”.

L’indicazione, conclude, “va quindi nel senso di affermare che la considerazione del valore di un trattamento farmacologico va, ove possibile, anteposta alla considerazione del prezzo.

 

Ti piace questo post?

Altre storie

Una dieta appropriata cancella il Diabete attivando il pancreas.

  Dimagrendo si recupera la produzione dell’ormone dell’insulina Con una dieta efficace (alla portata di molti pazienti, per arrivare a un dimagrimento in media di 10 chili) il diabete regredisce in via definitiva in quasi un caso su due e questo si deve alle cellule del pancreas che producono insulina...

Aumentano i casi di diabete ma i centri rischiano la chiusura

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 17/09/2019 Ad aggravare la situazione anche i pre pensionamenti dei medici. Quattro milioni gli italiani col diabete La ‘scure’ dei tagli e dei pensionamenti dei camici bianchi sta mettendo in crisi ambulatori e Centri di diabetologia italiani, molti dei quali sono gia’ in uno stato di...

La neuropatia diabetica colpisce un malato su tre ma è poco conosciuta.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 03/09/2018 Frontoni: è importante la diagnosi precoce. Allo studio nuovi farmaci E’ una condizione che interessa oltre una persona diabetica su tre ma che, pur essendo estremamente invalidante, è poco conosciuta da medici e pazienti.  E’ la neuropatia diabetica, una delle complicanze croniche del diabete che...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali