5 ottobre 2018

L’insulina in frigo può essere danneggiata dalla temperatura non ottimale.

Lo dimostra uno studio della Charitè Universitaetsmedizin di Berlino

La conservazione dell’insulina nel frigorifero di casa può mettere a rischio la qualità del prodotto: è infatti spesso conservata ad una temperatura non ottimale e questo potrebbe avere un effetto sulla sua efficacia. 

Lo dimostra uno studio della Charitè Universitaetsmedizin di Berlino presentato al congresso dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd). Nell’ambito dello studio, 388 pazienti con diabete in Usa ed Europa hanno posizionato dei sensori di temperatura accanto alle confezioni di insulina nei frigo o nelle borse utilizzate per trasportare l’insulina all’esterno. I dati di temperatura erano misurati automaticamente ogni 3 minuti prima di essere inviati ad una app e registrati su un database. La misurazione è proseguita per 49 giorni. Dall’analisi di 400 misurazioni è quindi emerso che in 315 casi (79%) erano presenti scostamenti dal range di temperatura raccomandato.

Complessivamente, è risultato che l’insulina conservata in frigo era fuori dal range di temperatura raccomandata per l’11% del tempo (pari a 2 ore e 34 minuti al giorno) mentre l’insulina trasportata dai pazienti era conservata ad errate temperature per circa 8 minuti al giorno.  “

Molte persone con diabete conservano involontariamente l’insulina in modo scorretto a causa delle fluttuazioni di temperatura nei frigoriferi di casa – afferma la coordinatrice dello studio Katarina Braune -.

Quando si conserva l’insulina a casa nel rigo si dovrebbe dunque sempre apporre un termometro per controllare la temperatura, che dovrebbe essere tra 2 e 8 gradi centigradi.

Le condizioni di conservazione dell’insulina a lungo termine hanno infatti un impatto sul suo effetto di abbassare il glucosio nel sangue”. Per i pazienti, conclude l’esperta, “il dosaggio preciso di insulina è infatti essenziale per raggiungere i risultati terapeutici ma una graduale perdita di potenza dell’insulina, a causa della cattiva conservazione, ha come conseguenza una variabilità del dosaggio”. 

 

fonte: ansa

 

Ti piace questo post?

Altre storie

Dalle alghe marine un aiuto per abbassare la Glicemia.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 20/02/2019  Studio delle Università di Pavia e di Bologna Il pre-diabete è una condizione spesso sottovalutata sulla quale è fondamentale riuscire ad intervenire il prima possibile. Uno studio tutto italiano, pubblicato sulla rivista Phytotherapy Research,ha dimostrato il ruolo del preparato nutraceutico originato dalle alghe marine...

Donazione libretti educazione alimentare

L’idea di questa pubblicazione è nata dall’esigenza di fornire alle persone con diabete utili consigli per un corretto stile di vita. Hanno collaborato alla sua stesura i medici dell’ U.O.C di Diabetologia di Livorno con il finanziamento dell’AGDAL Livorno onlus. Se vuoi vedere la prima pagina del libretto, clicca...

Congresso Cardiologi a Barcellona 2017

Cardiologi: no al sale, bene quattro tazze di caffè al giorno Cardiologia | Redazione DottNet | 28/08/2017 12:26 Congresso internazionale di Barcellona: il caffè è un elisir di salute Il cuore non ama il sale ma il caffe’ e’ suo amico: dal congresso europeo di Cardiologia in corso a Barcellona si...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali