27 gennaio 2019

Il vaccino rotavirus, potrebbe proteggere dal diabete tipo 1

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 24/01/2019

Studio australiano, calo delle diagnosi dopo l’introduzione all’immunizzazione

Un ‘effetto collaterale’ del vaccino per il rotavirus potrebbe essere la protezione dal diabete di tipo 1. Lo suggerisce uno studio australiano pubblicato da Jama Pediatrics, che ha verificato un calo delle diagnosi proprio in concomitanza con l’introduzione dell’immunizzazione, entrata da poco anche da noi tra quelle raccomandate. 

Nello studio sono stati analizzati i dati delle diagnosi di diabete di tipo 1 tra zero e 14 anni in Australia tra il 2000 e il 2014, verificando nella fascia 0-4 anni un calo del 14% a partire dal 2007, che è proprio l’anno di introduzione del vaccino.

Il calo non è stato invece visto per le altre fasce di età, sottolineano gli autori del Murdoch Children’s Research Institute, una circostanza che sembra confermare l’ipotesi di partenza. “Il calo significativo che abbiamo visto nei piccoli dopo il 2007 – spiega Kirsten Perrett, l’autrice principale -, non è stato visto tra 5 e 14 anni. 

Questo suggerisce che i più piccoli potrebbero essere stati esposti a un fattore protettivo che non ha avuto un impatto sugli altri”.  Lo studio conferma una ricerca precedente che ha visto che nei topi l’infezione da rotavirus scatena un attacco immunitario contro le cellule che producono insulina nel pancreas. 

 

fonte: ansa

 

·   

Ti piace questo post?

Altre storie

Diabete in gravidanza, sviluppato un algoritmo che lo prevede

  DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 17/01/2020 Basato su nove domande chiave, utile anche prima del concepimento Sviluppato un algoritmo che predice il rischio per una gestante (o addirittura per una donna ancor prima dell’inizio della gravidanza) di ammalarsi di diabete gestazionale, una complicanza che riguarda dal 3 al 9% di tutte...

Da una nuova classe di farmaci, speranze anche per il diabete tipo 1

  Diabetologia | Redazione DottNet | 19/07/2017 11:55 Purrello (Sid), bloccare il glucagone può avere un impatto clinico Da una nuova classe di farmaci oggi in sperimentazione per il diabete di tipo 2 potrebbe arrivare una terapia aggiuntiva per il diabete di tipo 1. A testare nuovi utilizzi dell’antagonista del recettore...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali