2 giugno 2019

Con il diabete di tipo 1 la Paradontite comincia da piccoli.

 

Cairo (Sidp), a 18 anni spesso si hanno già uno o due denti mancanti

Il diabete va di pari passo con i problemi alle gengive, e questi sono ancor più gravi, precoci e frequenti per chi ha il diabete di tipo 1, ovvero non legato agli stili di vita. “Tra queste persone i problemi parodontali insorgono già durante l’infanzia e, spesso, una su due ha già un paio di denti mancanti all’età di 18-20 anni”. A far chiarezza sui rischi a cui i giovani con questa malattia vanno incontro è Francesco Cairo, responsabile dell’Unità di parodontologia dell’Università di Firenze e tesoriere della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (Sidp).

Il diabete di tipo 1 è causato dalla produzione di autoanticorpi che attaccano le cellule Beta del pancreas e sono deputate alla produzione di insulina. Di conseguenza la produzione di questo ormone, che regola l’utilizzo del glucosio da parte delle cellule, si riduce, fino ad azzerarsi, causando un eccesso di zuccheri nel sangue, ovvero la iperglicemia. Come noto il diabete provoca danni alla retina, al sistema nervoso periferico, al cuore. Meno noti sono, però, i danni che provoca nella bocca. “Il diabete di tipo 1 – spiega – ha un esordio molto precoce e questo dà modo alla patologia di iniziare prima a fare i danni. Pertanto, è facile vedere i primi segni della parodontite in tenera età, con una forte infiammazione gengivale, che porta alla caduta dei primi denti durante l’adolescenza. E, intorno ai 30 anni, in alcuni casi manca già metà dentatura. D’altro canto, la parodontite aumenta la resistenza all’insulina ed è associata a forme più gravi di diabete”.

Questo fa capire quanto sia importante istruire i genitori, sin da quando il bimbo è piccolo, su come eseguire una corretta pulizia domiciliare e sulla necessità di portarli dall’igienista dentale almeno tre volte l’anno. Per sensibilizzare anche i diabetologi sul tema, prosegue Cairo, “abbiamo iniziato un percorso di collaborazione, affinché loro stessi siano consapevoli del problema”. Di qui l’avvio, presso l’Ospedale Careggi di Firenze, di un percorso terapeutico ad hoc, con visite di controllo periodiche. “Il progetto pilota – spiega Edoardo Mannucci, direttore di Diabetologia del Careggi e professore associato all’Università di Firenze – è iniziato 4 mesi fa e include, fino ad oggi, un centinaio di pazienti da 18 a 50 anni con diabete tipo 1 e provenienti dal Centro Italia. A questo gruppo, è stato inserito, tra gli screening periodici che effettuiamo per verificare la salute degli organi presi di mira dal diabete (occhi, cuore e reni), anche un controllo della salute delle gengive, effettuata da un esperto, che possa intercettare e curare problemi parodontali”.

La caduta precoce dei denti, prosegue Mannucci, membro del direttivo della Società Italiana di Diabetologia (Sid), “è spesso sottovalutata, ma quando inizia così precocemente può comportare problemi psicologici e cambiamenti nell’alimentazione”. L’obiettivo è terapeutico, ma anche di ricerca, “perché – conclude – studiare l’effetto del diabete sulla caduta dei denti in pazienti così giovani, può aiutare a identificare meglio i meccanismi e le caratteristiche genetiche di questa relazione”.

 

Ti piace questo post?

Altre storie

In Toscana oltre 900 bambini con diabete.

L’età della diagnosi si sta progressivamente abbassando Oltre 900 tra bambini e adolescenti in Toscana sono affetti da diabete mellito di tipo 1, e l’età della diagnosi si sta progressivamente abbassando. Il dato è stato diffuso in occasione della tappa fiorentina di ‘Sono un t1po’, la campagna nazionale di...

Un vaccino contro il Diabete di tipo 1

Diabete: nel 2018 i primi test sull’uomo del vaccino per tipo 1 Diabetologia | Redazione DottNet | 24/07/2017 14:19 Protegge dal virus che può scatenare la malattia Inizieranno il prossimo anno i test sull’uomo di un candidato vaccino contro il diabete di tipo 1, che dovrebbe dare immunità contro un virus...

Il vaccino rotavirus, potrebbe proteggere dal diabete tipo 1

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 24/01/2019 Studio australiano, calo delle diagnosi dopo l’introduzione all’immunizzazione Un ‘effetto collaterale’ del vaccino per il rotavirus potrebbe essere la protezione dal diabete di tipo 1. Lo suggerisce uno studio australiano pubblicato da Jama Pediatrics, che ha verificato un calo delle diagnosi proprio in concomitanza con l’introduzione...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali