31 agosto 2019

I segreti del grasso ‘bruno’, protegge da obesità e diabete

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 26/08/2019

Tessuto adiposo buono filtra l’eccesso di alcuni amminoacidi

È un grasso, ma ‘buono’, che addirittura può proteggere dallo sviluppo di diabete e obesità. 

 Il grasso bruno, o tessuto adiposo bruno, ha dei vantaggi per la salute e i suoi segreti, che potrebbero portare allo sviluppo di nuovi farmaci, vengono svelati in uno studio della Rutgers University, pubblicato su Nature.

Abbiamo alcuni grammi di grasso bruno in aree quali collo, clavicola, reni e midollo spinale e questo grasso si attiva quando il corpo è freddo, utilizzando zuccheri e grassi dal sangue per generare calore. Lo studio ha scoperto che potrebbe anche aiutare il corpo a filtrare e rimuovere gli amminoacidi a catena ramificata dal sangue. Leucina, isoleucina e valina si trovano in alimenti come uova, carne, pesce, pollo e latte, ma anche negli integratori utilizzati da alcuni atleti e persone che vogliono costruire massa muscolare. In normali concentrazioni, questi aminoacidi sono essenziali per una buona salute.

In quantità eccessive, sono invece collegati al diabete e all’obesità.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con poco o nessun grasso bruno hanno una ridotta capacità di eliminarne l’eccesso dal sangue e ciò può portare allo sviluppo appunto di obesità e diabete. 

Lo studio ha anche risolto un mistero scientifico lungo oltre 20 anni, scoprendo una proteina che controlla la velocità con cui il grasso bruno ‘cancella’ gli aminoacidi dal sangue e li usa per produrre energia e calore.

“La ricerca – evidenzia il coautore, Labros S. Sidossis – spiega il paradosso per cui gli integratori di amminoacidi a catena ramificata possono potenzialmente giovare a coloro che hanno grasso bruno attivo, come le persone sane, ma può essere dannoso per gli altri, compresi gli anziani, le persone con obesità e con diabete”.

Uno dei prossimi passi è determinare se l’assorbimento di questi amminoacidi da parte del grasso bruno possa essere controllato da fattori ambientali – come l’esposizione a temperature leggermente fredde o il consumo di cibi piccanti – o dai farmaci.

fonte: nature

Ti piace questo post?

Altre storie

Allo studio le prime linee guida su diabete autoimmune latente.

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 09/07/2019 E’ una lenta evoluzione verso l’ insulino-dipendenza, che colpisce tra il 5-12 per cento dei pazienti inizialmente diagnosticati come diabetici di tipo 2  Una patologia complessa e articolata, molto eterogenea e quindi difficile da riconoscere, troppo spesso non curata adeguatamente con conseguenze significative per il...

Le noci sono lo scudo contro Diabete e Malattie Cardiovascolari

NUTRIZIONE | REDAZIONE DOTTNET | 23/03/2018 Un’assunzione giornaliera protegge gli adulti dal rischio Una piccola manciata di “noci pecan” ogni giorno può proteggere gli adulti a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. La loro introduzione nella dieta migliora significativamente la sensibilità all’insulina e sembra avere un effetto significativo anche...

Sanofi: l’incidenza di ipoglicemie si riduce con Toujeo®

Diabetologia | Redazione DottNet | 23/02/2018 Secondo l’azienda Toujeo® riduce di oltre il 60% – rispetto all’insulina glargine 100 Unità/ml e all’insulina detemir – il tasso di gravi episodi ipoglicemici Sanofi diffonde i risultati di nuovi studi basati sulla pratica clinica quotidiana che hanno dimostrato che Toujeo® (insulina glargine 300 Unità/ml) ha...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali