18 novembre 2019

ll cristallino dell’occhio può predire la comparsa del diabete

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 16/09/2019

Studio pilota, intervento precoce per prevenire le complicanze

La scannerizzazione del cristallino dell’occhio può predire la comparsa del diabete di tipo 2 e del prediabete.

Lo dimostra uno studio della University of Exter Medical School in Gran Bretagna, presentato al 55/o Congresso dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd). Lo studio pilota è stato condotto su 60 soggetti suddivisi in diabetici, prediabetici e sani ed ha utilizzato la tecnologia innovativa di un biomicroscopio. I ricercatori hanno dunque eseguito una particolare analisi: la misurazione del livello di ‘autofluorescenza’ del cristallino, spiegano, “può predire chi svilupperà in futuro il diabete o il prediabete”.

Questo, rilevano, è molto importante poichè tra l’inizio del diabete e la sua effettiva diagnosi può esserci un lasso di tempo anche di 10 anni, e la diagnosi e l’intervento precoci possono aiutare a prevenire le complicanze di questa patologia. “I risultati dello studio – spiega la ricercatrice Mitra Tavakoli – dimostrano che l’autofluorescenza del cristallino è significativamente maggiore nei pazienti con prediabete e diabete 2. Proprio il livello di autofluorescenza potrebbe dunque essere un forte marcatore per il controllo del diabete a lungo termine, per predire il rischio di future complicanze.     Tuttavia – conclude l’esperta – ulteriori studi più ampi e di lungo termine sono necessari per confermare tali risultati”.

 

fonte: ansa

 

Ti piace questo post?

Altre storie

Menopausa precoce può aumentare rischio diabete 2

  Diabetologia | Redazione DottNet | 20/07/2017 14:01 È quanto emerge da uno studio olandese pubblicato sulla rivista Diabetologia Le donne che vanno in menopausa precocemente o a un’età considerata quasi normale hanno un maggiore rischio di sviluppare diabete di tipo 2 rispetto a quelle in cui ciò avviene più tardi....

Scoperta nel caffè un’arma per prevenire e curare il Diabete

Il ‘cafestolo’ riduce la glicemia e aumenta la produzione di insulina Diabetologia | Redazione DottNet | 11/09/2017 13:38 Un’arma per prevenire e combattere il diabete è stata scoperta nel caffè: si tratta di una sostanza, il cafestolo, che promuove la produzione di insulina e il controllo glicemico (ovvero della concentrazione...

La non aderenza alla terapia può essere scambiata per il fallimento della cura.

Diabetologia | Redazione DottNet | 25/09/2017 14:25 Troppe prescrizioni di farmaci in seconda linea sono spesso inappropriate Nei pazienti con diabete la non aderenza alle terapie prescritte contro l’iperglicemia è molto comune e i medici spesso potrebbero scambiarla per un fallimento del farmaco ‘di prima linea’, la metformina, prescrivendo così quelli...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali