12 dicembre 2020

Covid: la retinopatia aumenta il rischio di terapia intensiva

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 25/11/2020

I pazienti diabetici con retinopatia, ricoverati per infezione da SARS-CoV-2, hanno un rischio di 5 volte maggiore di essere intubati

Una complicanza del diabete molto diffusa, la retinopatia (che si caratterizza per danni retinici legati a problemi del microcircolo sanguigno locale), potrebbe rappresentare un ulteriore fattore di rischio per il Covid: i pazienti diabetici con retinopatia, ricoverati per infezione da SARS-CoV-2, hanno un rischio di 5 volte maggiore di essere intubati.  

Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Research and Clinical Practice e condotto da Antonella Corcillo del King’s College di Londra.  Questo lavoro, per quanto su una casistica di pazienti non molto ampia, conferma il fatto che il diabetico con complicanze, e ancor di più la presenza di diabete scompensato (con un controllo glicemico non buono) aumenta il rischio di di andare incontro a un esito più grave in caso di infezione da SARS-CoV-2, sottolinea all’ANSA il presidente Eletto della Società Italiana di Diabetologia (SID) Agostino Consoli, dell’Università degli Studi G. D’Annunzio di Chieti-Pescara.

La retinopatia diabetica è molto diffusa, riguarda il 54,6% dei pazienti con diabete di tipo 1 (detto anche autoimmune o insulino-dipendente) e nel 30% dei pazienti con diabete di tipo 2 (la forma più diffusa di malattia diabetica, detta anche insulino-resistente). 

Gli esperti hanno considerato 187 pazienti diabetici ricoverati per Covid in un ospedale londinese tra marzo e aprile scorsi; 67 di loro soffrivano di retinopatia. Ebbene, è emerso che il 26% di tutto il campione è stato intubato e che quasi la metà di questi (il 45%) soffriva di retinopatia; ciò significa che tale complicanza si associa a un rischio di 5 volte maggiore di finire in terapia intensiva. 

“E’ la prima volta che la retinopatia viene collegata al rischio di COVID-19 in forma grave nelle persone con diabete – afferma Corcillo. La retinopatia è un marcatore di danno vascolare e i nostri risultati suggeriscono che tale danno preesistente ai vasi sanguigni potrebbe portare a una sindrome COVID-19 più grave che richieda la terapia intensiva”, conclude.  Indagare la presenza di retinopatia e di alter complicanze vascolari del diabete, quindi, potrebbe aiutare i clinici a individuare i pazienti COVID-19 più a rischio di sviluppare l’infezione in forma grave.  

 

fonte: ansa, Diabetes Research and Clinical Practice

Ti piace questo post?

Altre storie

Progressi nella ricerca per un pancreas artificiale

Il percarbonato di sodio è un possibile alleato nella cura del diabete Diabetologia | Redazione DottNet | 18/11/2017 Il suo ruolo sarebbe importante nella costruzione di un pancreas bioartificiale per la cura del diabete 1 in laboratorio Un ingrediente comune in alcuni prodotti per la pulizia, il percarbonato di sodio,...

Poco moto in più e 2-3 kg in meno dimezzano il rischio diabete

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 17/11/2020 Pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine, si tratta dell’importante risultato raggiunto dal più ampio studio eseguito al mondo negli ultimi 30 anni sulla prevenzione del diabete Uno studio senza precedenti mostra che per persone ad alto rischio di diabete è sufficiente perdere 2-3 chili (e...

Anziani con Diabete tipo 2 – fragilità ossea.

  Diabetologia | Redazione DottNet | 21/09/2017 14:17 Lo evidenzia uno studio dell’Hebrew SeniorLife’s Institute for Aging Research, negli Usa, pubblicato sulla rivista Journal of Bone and Mineral Research Il diabete 2 può rendere gli anziani più soggetti a fratture rispetto ai coetanei, nonostante tendano ad avere una densità ossea normale...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali