17 agosto 2021

Complicazioni a lungo termine nel diabete di tipo 2 ad esordio giovanile

DIABETOLOGIA | REDAZIONE DOTTNET | 29/07/2021

Il rischio di complicanze, comprese le complicanze microvascolari, è aumentato costantemente nel tempo e ha colpito la maggior parte dei partecipanti

La prevalenza del diabete di tipo 2 nei giovani è in aumento, ma si sa poco riguardo al verificarsi di complicanze correlate quando questi giovani passano all’età adulta.

METODI

Abbiamo precedentemente condotto uno studio clinico multicentrico (dal 2004 al 2011) per valutare gli effetti di uno dei tre trattamenti (metformina, metformina più rosiglitazone o metformina più un intervento intensivo sullo stile di vita) sul tempo alla perdita del controllo glicemico nei partecipanti che avevano del diabete di tipo 2 nei giovani. 

Dopo il completamento dello studio, i partecipanti sono stati trasferiti alla metformina con o senza insulina e sono stati arruolati in uno studio osservazionale di follow-up (eseguito dal 2011 al 2020), condotto in due fasi; i risultati di questo studio di follow-up sono riportati qui. Le valutazioni per la malattia renale diabetica, l’ipertensione, la dislipidemia e le malattie nervose sono state eseguite ogni anno e le valutazioni per la malattia retinica sono state eseguite due volte. Le complicazioni relative al diabete identificate al di fuori dello studio sono state confermate e giudicate.

RISULTATI

Al termine della seconda fase dello studio di follow-up (gennaio 2020), l’età media (±DS) dei 500 partecipanti inclusi nelle analisi era di 26,4±2,8 anni e il tempo medio dalla diagnosi di diabete era 13,3±1,8 anni. L’incidenza cumulativa dell’ipertensione era del 67,5%, l’incidenza della dislipidemia era del 51,6%, l’incidenza della malattia renale diabetica era del 54,8% e l’incidenza della malattia nervosa era del 32,4%.    La prevalenza della malattia retinica, comprese le fasi più avanzate, è stata del 13,7% nel periodo dal 2010 al 2011 e del 51,0% nel periodo dal 2017 al 2018.  Almeno una complicazione si è verificata nel 60,1% dei partecipanti e si sono verificate almeno due complicanze nel 28,4%. I fattori di rischio per lo sviluppo di complicanze includevano razza minoritaria o gruppo etnico, iperglicemia, ipertensione e dislipidemia.

CONCLUSIONI

Tra i partecipanti che hanno avuto l’insorgenza del diabete di tipo 2 in età giovanile, il rischio di complicanze, comprese le complicanze microvascolari, è aumentato costantemente nel tempo e ha colpito la maggior parte dei partecipanti al momento della giovane età adulta. Le complicazioni erano più comuni tra i partecipanti di razza e gruppo etnico di minoranza e tra quelli con iperglicemia, ipertensione e dislipidemia.

 

fonte: the new england journal of medicine

Ti piace questo post?

Altre storie

Diabete e Obesità erodono il cervello bloccando la molecola chiave

  Diabetologia | Redazione DottNet | 11/12/2017 Impedendo il processo si possono prevenire danni cognitivi Diabete e obesità causano declino mentale modificando nel cervello ‘interruttori’ chiave per apprendimento e memoria; ma fermando questo processo con un ‘farmaco’ si possono prevenire i danni inferti alla mente da diete squilibrate e diabete. È...

Misure transitorie relative alla proroga dei piani terapeutici. 11marzo 2020

Misure transitorie relative alla proroga dei piani terapeutici AIFA in tema di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 In considerazione della necessità di ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nei pazienti anziani e/o con malattie croniche, limitando l’affluenza negli ambulatori specialistici al fine di ottenere il rinnovo...

Congresso Cardiologi a Barcellona 2017

Cardiologi: no al sale, bene quattro tazze di caffè al giorno Cardiologia | Redazione DottNet | 28/08/2017 12:26 Congresso internazionale di Barcellona: il caffè è un elisir di salute Il cuore non ama il sale ma il caffe’ e’ suo amico: dal congresso europeo di Cardiologia in corso a Barcellona si...

Categorie

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali